Il Governo decide di utilizzare i conti corrente dormienti

Per cosa? Per indennizzare le vittime dei bond argentini. Non so valutare tecnicamente la decisione, avvenuta nella riunione di ieri del Consiglio dei ministri su proposta di Padoa-Schioppa; certo che limitarne l’utilizzo agli investitori dei bond argentini mi pare restrittivo. I «dormienti» potrebbero essere utilizzati per alimentare il fondo di solidarietà? Anche qui vi sono controindicazioni: il fondo si alimenta attraverso l’applicazione della legge 122; se mancasse il pungolo del fondo aumenterebbero i motivi per disapplicarla e a noi sta a cuore non solo il risarcimento ma l’effettiva tutela degli acquirenti di oggi, di iei e di domani…
Questo il testo della decisione:

«- un decreto presidenziale, sul quale è stato acquisito il parere del Consiglio di Stato, che in ottemperanza a quanto stabilito dalla legge finanziaria per il 2006 definisce la nozione di rapporto contrattuale bancario e assicurativo “dormiente”, anche allo scopo di indennizzare i risparmiatori che, investendo sul mercato finanziario, siano rimasti vittime di frodi finanziarie o abbiano sofferto un danno ingiusto non risarcito in altro modo. I conti correnti bancari o assicurativi che per dieci anni non abbiano subito alcuna movimentazione da parte del titolare o di un delegato vengono dichiarati “dormienti” e in quanto tali confluiscono in un fondo, già istituito dalla predetta legge finanziaria e gestito da una apposita commissione. Tra i risparmiatori che beneficeranno di queste norme vi sono coloro che hanno sofferto un danno in conseguenza del default dei titoli obbligazionari argentini»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...